Statuto

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE TURISTICA PRO LOCO DI ABBADIA SAN SALVATORE

ART.1 

DENOMINAZIONE E SEDE

Nel Comune di Abbadia San Salvatore è costituita un’Associazione Turistica denominata “PRO LOCO”, con sede in via Pinelli n° 30, l’eventuale trasferimento della sede non comporta modifica di tale atto.

La Pro Loco di Abbadia San Salvatore aderisce all’UNPLI (Unione Nazionale delle Pro Loco d’Italia), tramite il comitato Regionale della Toscana.

ART.2

CARATTERISTICHE E COMPETENZA TERRITORIALE

La Pro Loco è un’associazione di volontariato, di natura privatistica, senza fini di lucro, con valenza di pubblica utilità sociale, e con rilevanza di interesse pubblico.

La Pro Loco svolge la sua opera nel territorio del Comune di Abbadia San Salvatore.

La Pro Loco può operare anche al di fuori del proprio Comune in presenza di forme consortili con altre Associazioni o Enti o di convenzioni stipulate con Comuni e Province in località in cui non esista altra associazione Pro Loco.

ART.3

FINALITÀ

Gli Scopi principali che la Pro Loco si propone sono:

  1. riunire tutti coloro (Enti Associazioni, esercenti, privati) che hanno interesse allo sviluppo della località;
  2. contribuire ad organizzare turisticamente la località valorizzando con attività di propaganda, le bellezze naturali, artistiche ed artigianali del luogo;
  3. promuovere e facilitare il movimento turistico rendendo il soggiorno piacevole, incoraggiando ed appoggiando il miglioramento dei servizi pubblici;
  4. stimolare il miglioramento dell’attrezzatura alberghiera e dei locali di ritrovo;
  5. promuovere festeggiamenti, gare, fiere, convegni, spettacoli pubblici, gite, escursioni per attivare i turisti nella località;
  6. collaborare con l’UNPLI;
  7. apertura e gestione di circoli per i propri soci.

ART.4 

SOCI

L’iscrizione all’associazione è aperta a chiunque faccia richiesta scritta al consiglio che ne delibera l’accoglimento o meno.

I soci hanno il dovere di versare la quota sociale annua stabilita dal Consiglio dell’Associazione.

Tutti i soci in regola con i versamenti della quota sociale, purché maggiorenni, hanno diritto:

  1. di voto per eleggere gli organi direttivi della Pro Loco;
  2. di essere eletti alle cariche direttive della Pro Loco;
  3. di voto per l’approvazione dei bilanci, delle modifiche statutarie e regolamentari della Pro Loco;
  4. a ricevere la tessera della Pro Loco;
  5. a ricevere le eventuali pubblicazioni della Pro Loco;
  6. a frequentare i locali della Pro Loco;
  7. di fruire dei servizi della Pro Loco e di partecipare a tutte le sue attività;

I soci hanno il dovere di ossequiare le norme statutarie e regolamentari, di partecipare alla vita sociale e amministrativa dell’associazione, di curarne l’immagine e di garantirne l’assetto economico.

ART.5

I Soci si distinguono in onorari ed effettivi.

I Soci onorari sono nominati dal consiglio Direttivo su proposta del presidente, fra quelle persone od enti che si sino particolarmente distinti in favore dell’associazione e delle attività culturali, sportive e ricreative per il paese.

Per diventare soci effettivi è necessario presentare domanda.

La domanda deve pervenire dal I° (primo) gennaio al 31 (trentuno) dicembre di ogni anno.

Per avere diritto al voto occorre essere iscritti nel libro dei soci da almeno 60 (sessanta) giorni.

I soci effettivi si distinguono a sua volta in:

Soci benemeriti soci sostenitori e soci onorari.

I nuovi iscritti son tenuti al pagamento di una tassa di iscrizione fissata di anno in anno dall’assemblea; così pure di anno in anno sarà fissata dall’assemblea la quota sociale.

Solo i soci effettivi hanno diritto al voto.

ART.6

 La Qualità di socio si perde:

  1. a seguito di dimissioni che il socio dà per iscritto, da presentarsi entro il 31 (trentuno) dicembre e da valere per l’anno successivo;
  2. per morosità, o a seguito di radiazione per mancanza osservanza dello statuto;
  3. qualora venga a mancare il requisito di buona condotta morale e civile

ART.7

STRUTTURA DELL’ASSOCIAZIONE 

 Organi dell’associazione sono:

  1. l’Assemblea generale dei soci
  2. il Consiglio Direttivo
  3. il Comitato Consultivo
  4. il Presidente
  5. il Segretario
  6. il Tesoriere
  7. il collegio dei Sindaci Revisori

Le cariche sociali sono gratuite

 ART.8

ASSEMBLEA GENERALE DEI SOCI 

L’assemblea Generale dei soci è ordinaria e straordinaria.

L’Assemblea ordinaria, da convocarsi almeno due volte l’anno, ha i seguenti compiti:

  1. approvare il bilancio preventivo con la relazione del presidente ed il Conto Consuntivo con le relazioni del Presidente e del collegio dei Sindaci revisori.
  2. Sia il Bilancio preventivo che il conto consuntivo devono essere formulati dal Presidente con l’approvazione del consiglio Direttivo;
  3. Designa alle cariche sociali ;
  4. Determina annualmente la tassa d’iscrizione e le quote sociali

L’assemblea straordinaria, da convocarsi ogni volta che il Consiglio Direttivo lo ritenga opportuno o quando almeno i due terzi dei soci ne facciano richiesta scritta motivata, ha i seguenti compiti:

  1. apporta modifiche allo statuto per le quali occorre il voto favorevole di almeno i due terzi dei soci iscritti in regola con le quote sociali;
  2. Decide gli altri argomenti proposti.

L’assemblea Generale, sia ordinaria che straordinaria è convocata mediante invito scritto da rimettere a tutti i soci almeno otto giorni prima della data di convocazione.

Essa è valida in prima convocazione, quando si riscontri la presenza di almeno la metà dei soci in regola con le quote sociali, in seconda convocazione trascorsa mezz’ora dalla prima, se ordinaria è valida qualunque sia il numero dei soci intervenuti , se straordinaria invece è valida con al presenza di almeno 1/10 (un Decimo) dei soci , con il rispetto per le decisioni delle norme particolari più avanti indicate in materia di Statuto , tutte le altre deliberazioni saranno valide con al maggioranza dei soci presenti. 

ART. 9

CONSIGLIO DIRETTIVO

 Il Consiglio Direttivo è composto da 11 (undici) membri così identificabili:

  1. 10  (dieci) membri eletti fra i soci;
  2. un rappresentante del Comune di Abbadia San Salvatore, avente pari diritti degli altri  membri.

I componenti del consiglio Direttivo durano in carica tre anni e sono rieleggibili.

Per la sua validità delle riunioni è necessaria la presenza di almeno la metà dei consiglieri.

Le decisioni del Consiglio Direttivo sono prese a maggioranza dei voti dei consiglieri   presenti  , in caso di parità prevale il voto del Presidente.

Il consiglio delibera in merito all’attività, all’organizzazione e all’amministrazione della PRO LOCO.

Approva il Bilancio di previsione e la relazione dell’attività svolta formulati al Presidente.

Elegge fra i suoi componenti il Presidente e il Vice Presidente.

Delibera la perdita della qualità di socio ai sensi dell’art. 6 comma (b) e (c);

contro tale deliberazione ha facoltà di ricorrere entro trenta giorni all’assemblea.

Nomina, su proposta del presidente, Un segretario ed un tesoriere, fra i Consiglieri o fra i Soci.

Il Segretario ed il Tesoriere, nominati fra i soci, parteciperanno alle riunioni del Consiglio Direttivo, senza diritto di voto.

Il Consiglio Direttivo viene affiancato da un Comitato Consultivo che è formato dai rappresentati delle Organizzazioni di categoria, di massa, sportive e cooperative Turistiche.

Il Comitato Consultivo viene riunito almeno quattro volte all’anno e partecipa alla preparazione dei programmi e alla stesura dei calendari delle manifestazioni.

I membri possono partecipare alle riunioni del consiglio Direttivo senza diritto di voto. 

ART.10

IL PRESIDENTE

Il Presidente ha la rappresentanza legale dell’associazione a tutti gli effetti e cura l’andamento dell’Associazione stessa,

adottando  ove occorra, tutti quei provvedimenti  a carattere di urgenza, salvo a riferire, per la   ratifica, alla prima riunione del consiglio Direttivo.

E’ facoltà del Presidente, udito il consiglio Direttivo, di nominare apposite Commissioni per provvedere all’organizzazione dei diversi settori di attività tali commissioni delle quali farà parte un conigliere della Associazione Turistica, saranno composte da persone che abbiano spiccate capacità nei settori di competenza.

 ART. 11

IL SEGRETARIO

Il Segretario assiste il Consiglio Direttivo e L’Assemblea; Redige i verbali delle relative riunioni, assicura la realizzazione delle deliberazioni e provvede al normale funzionamento degli uffici.

ART.12

Il Presidente, il Segretario ed il Tesoriere, sono responsabili per la tenuta dei registri dai qual risulta la gestione contabile dell’associazione.

ART.13

COLLEGIO DEI SINDACI REVISORI

Tre revisori dei conti devono essere nominati dall’Assemblea per esaminare periodicamente la contabilità

Possono presenziare alle sedute del Consiglio Direttivo, compilando l’apposita relazione al Conto consuntivo. Durano i carica tre anni.

ART.14 

DISPOSIZIONI GENERALI

L’esercizio inizia il I° Gennaio e termina il 31 Dicembre.

Entro il mese di Novembre deve essere presentato il Bilancio di Previsione all’Assemblea, mentre entro il mese di Febbraio deve essere presentato il Conto consuntivo dell’esercizio precedente.

ART.15

I Proventi con i quali la Pro Loco provvede alla propria attività sono:

  1. le quote annuali e le tasse di iscrizione;
  2. I contributi di Enti o di Privati;
  3. Le eventuali donazioni;
  4. I proventi di gestione o di iniziative permanenti ed occasionali
  5. Le quote di riparto di eventuali imposte.
  6. Eredità donazioni o lasciti
  7. Entrate compatibili con le finalità sociali dell’associazionismo di promozione sociale.

Non può, in nessun caso, distribuire i proventi delle attività fra gli associati, anche in forme indirette, ma dovranno essere impiegati esclusivamente per la realizzazione delle attività istituzionali e di quelle direttamente connesse.

Ha l’obbligo di reinvestire l’eventuale avanzo di gestione a favore di attività istituzionali statutariamente previste.

ART.16

La Pro Loco adegua la propria attività gestionale alle norme delle leggi vigenti, riconoscendo l’assenza di lucro e la competenza territoriale.

La Pro Loco si avvale prevalentemente delle attività prestate in forma volontaria, libera e gratuita, dei propri Soci per il perseguimento dei fini istituzionali.

La Pro Loco può, in caso di particolari necessità, assumere lavoratori dipendenti o avvalersi di prestazioni di lavoro autonomo, anche ricorrendo a propri soci.

Tutte le cariche della Pro Loco sono gratuite e sono incompatibili con cariche politiche e amministrative.

Il Consiglio Direttivo delibera e decide in merito a quanto previsto dal presente articolo e può prevedere dei rimborsi delle spese documentate, sostenute da soci o da persone che hanno operato per la Pro Loco nell’ambito delle attività istituzionali.

La Pro Loco accetta le direttive dell’UNPLI così come previsti dallo Statuto e dal regolamento dell’UNPLI regionale e nazionale e alle normative nazionali e della regione Toscana.

ART. 17

Le eventuali modifiche al presente Statuto, deliberate dall’Assemblea straordinaria secondo le norme vigenti, vanno registrate direttamente dal Presidente della Pro Loco presso l’Ufficio di Registro competente.

ART. 18

SCIOGLIMENTO DELLA PRO LOCO

La Pro Loco può essere sciolta con apposita delibera dei soci in assemblea straordinaria.

Lo scioglimento della Pro Loco deve essere comunicato all’UNPLI regionale, al Comune di residenza, agli organi di polizia competenti, nonché alla Regione, ove esista l’Albo regionale delle Pro Loco.

In caso di vacanza amministrativa, l’amministrazione uscente risponde direttamente di eventuali pendenze contabili o amministrative.

Ha l’obbligo di devoluzione del patrimonio, in caso di scioglimento, ad altra Associazione che operi a fini di utilità sociale o similare. 

ART. 19

RIFERIMENTI LEGISLATIVI 

Per tutto ciò che non è espressamente contemplato nel presente Statuto e nel Regolamento allegato, si fa rinvio a quanto previsto nel Codice Civile, nelle leggi nazionali relative alle Pro Loco e nelle leggi sulle Pro Loco della Regione Toscana, nonché alle norme e regolamenti dell’UNPLI nazionale e regionale.